LA VALLE D’ITRIA – PARTE 2 - L'Escargot
17229
post-template-default,single,single-post,postid-17229,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

LA VALLE D’ITRIA – PARTE 2

Con quel suo volto magico che rapisce i sensi, in piena notte, si è affacciata dinanzi a me Locorotondo.

Il borgo antico è un incantesimo bianco, di case, pietre e ringhiere ferrose, su cui si stagliano i colori eccentrici dei fiori che spuntano (in una vera e propria gara di bellezza, ho poi scoperto…) dai panciuti balconi.

 

Anche le piccole botteghe, visibilmente messe su con amore e dedizione, mostrano merletti e manufatti semplici e preziosi, di una delicatezza d’altri tempi.

Molto suggestiva, sulla stessa area dove in passato sorgevano due chiese, è la chiesa Madre dedicata a San Giorgio, con pianta a croce greca e una maestosa facciata neoclassica.

 

Ogni anno, dal 2005, il Locus Festival, un’importante rassegna musicale, richiama qui artisti internazionali e tantissimi visitatori. I grandi concerti, ad ingresso libero, si svolgono sul main stage di piazza Aldo Moro. Quelli a pagamento sono accolti tra i trulli del Mavù Masseria, nelle campagne appena fuori Locorotondo.

 

CONTINUA…

No Comments

Post A Comment